Yes weekend: Ravioleria Sarpi

Passate in via Paolo Sarpi e cercate il negozio con la fila davanti: è la Ravioleria Sarpi, dove gustare ravioli cinesi con ingredienti italiani.

Continua l’esplorazione della Chinatown milanese, dopo la gastronomia gourmet di settimana scorsa, oggi vi racconto della nuova e chiacchieratissima (io ne sentivo parlare ovunque!) Ravioleria Sarpi.

Se siete passati di recente in via Paolo Sarpi l’avrete sicuramente notato, è il negozio dove c’è la coda. Si, la coda per strada. Effettivamente non si tratta proprio di un ristorante, quanto di una cucina a vista sulla strada dove il pezzo forte sono, appunto, i ravioli. Li potete comprare crudi da portare a casa oppure cotti da gustare al momento.
Non essendoci posto per sedersi dovrete mangiarveli praticamente in mano, street food che più street non si può, ma questa è un’altra storia. Il mio consiglio? Scegliete un giorno di sole a pranzo, andate alla Ravioleria, ordinate specificando “da asporto” (così ve li mettono in una busta) e poi andate verso piazza Gramsci. Prima di arrivare alla fine di via Sarpi, sulla sinistra c’è una piazzetta con delle panchine. Sedetevi e gustatevi i ravioli in pace!

Comunque, dicevamo: i ravioli. Vengono serviti in porzioni da 4 e ce ne sono di tre tipi: di manzo (con manzo, porro e zenzero), di maiale (maiale  e verza) e vegetariani. Il segreto, o la genialata di questo posto, sono gli ingredienti: la pasta dei ravioli è fatta a mano con farina biologica Mulino Sobrino, la carne arriva dalla (famosissima) macelleria Sartori, proprio li accanto,  le verdure sono selezionate dai migliori fornitori (i porri ad esempio vengono da Cervere, in Piemonte) e le uova arrivano dalle Cascine Orsine. La qualità è ottima e i ravioli sono de-li-zio-si. I miei preferiti? Quelli di manzo, dove il tocco di zenzero fa davvero la differenza.

ravioleria sarpiravioleria-sarpi_crepesravioleria sarpi vegetariani

Oltre ai ravioli da provare assolutamente è la crêpes: anche questa viene preparata sul momento e si può scegliere tra vegetariana o con carne. Io ho assaggiato quella vegetariana e mi è piaciuta moltissimo: uova, cipollotto, coriandolo e un impasto morbido, sottile ma al tempo stesso croccante, che viene ripiegato in 4 per una crêpes imbottita al punto giusto. Buonissima!

Tutto insomma è gourmet al punto giusto, tranne il prezzo che resta popolare: 2,50 euro per una porzione da 4 ravioli e 3,50 euro per la crêpes vegetariana (4,50 euro per quella con carne). Se invece si vogliono comprare i ravioli crudi e cuocerli a casa il costo è di 4,50 euro per 8 pezzi.

Pronti per assaporare lo street food cinese?

Ravioleria Sarpi
Via Paolo Sarpi 27, Milano
tutti i giorni, dalle 9 alle 15 e dalle 16 alle 20.30

 

You may also like

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>