Travel Tips: kit per un volo da prima classe

Non mi è mai capitato (purtroppo!) di volare in first o businecc class, ma ho sentito fantastici racconti di amici su quanto si sia coccolati. Dai sedili particolarmente larghi e comodi al cibo servito, tutto è pensato per fare si che il cliente/passeggero viva un volo comodo e indimenticabile. Anche il “kit da viaggio” che viene distribuito in queste occasioni è qualcosa di speciale: bagnoschiuma, tappi per orecchie, spazzolino e dentifricio, pantofole, mascherina per gli occhi, e chi più ne ha più ne metta, fino ad arrivare addirittura a un pigiama! È proprio sognando tutto questo che mi sono detta: anche se noi comuni mortali non viaggiamo in business, chi l’ha detto che non possiamo farci un kit di volo da prima classe? Ecco quindi il mio personalissimo flight kit, ovvero tutto quello che non manca mai nel mio bagaglio a mano.

LA BUSTINA
Partiamo dalla bustina: visto che ci sono dei liquidi, e che il bagaglio a mano deve passare i controlli, solitamente io metto tutto in sacchetto di plastica trasparente che poi infilo nella bustina prescelta. In questo modo ai controlli si può facilmente tirare fuori tutto e mostrare il contenuto. Una volta passati i controlli ripiego il sacchettino di plastica che utilizzerò per altro e lascio tutto nella bustina (in modo da essere un pochettino più chic, stiamo o no facendo finta di essere dei viaggiatori di prima classe?). Questa che vedete nella foto è la mia preferita del momento, è rosa all’esterno e dentro è bianca con i pois rosa, è morbida e molto spaziosa.

GLI ESSENZIALI
Quelli che vedete nella foto sopra sono i miei essenziali. Mancano solo un paio di cose che stanno anche loro nella bustina: dentifricio e spazzolinogel igienizzante, cuscino da viaggio e tappi per le orecchie (fondamentali sopratutto nei voli notturni o se comunque si vuole riposare dal rumore dell’aereo). Ma andiamo con ordine procedendo da sinistra verso destra nella foto. Anzitutto un paio di calze: non so perché ma negli aerei c’è sempre una temperatura polare. Siccome odio avere i piedi freddi ecco che un paio di calze in più non fanno mai male: da mettere per dormire o da tenere come cambio per quando si arriva a destinazione. Subito sotto uno dei basic fon-da-men-ta-li: una crema idratante per il viso da spalmarsi a più riprese durante il viaggio. Quella della Kiehl’s che vedete nella foto è il mio must del momento (visto anche il caldo). Per i viaggi più o meno lunghi un’altra cosa da non dimenticare è un piccolo deodorante spry: non c’è niente di meglio che andare in bagno a rinfrescarsi prima di arrivare a destinazione. Quello di Sephora è tascabile e dal profumo delicato. Discorso analogo vale per le lenti a contatto. Sono miope (molto miope) e quando affronto lunghi voli solitamente parto con gli occhiali, ma non c’è niente che mi faccia sentire più a mio agio che indossare le mie lenti e scendere dall’aereo pronta ad osservare tutti i particolari del paese che mi accoglie. Quella boccettina accanto alle lenti a contatto è il Rescue Remedy dei Fiori di Bach perché nonostante viaggi in lungo e in largo ho una gran paura di volare e questi sono di grande aiuto quando devo affrontare voli lunghi. Tornando invece al discorso “beauty” due cose che non mancano mai nel mio kit sono una maschera per gli occhi e un profumo. Quello della maschera per gli occhi è un trucchetto che ho pensato per fare passare un po’ di tempo e approfittare di una situazione in cui effettivamente si deve stare fermi: l’aereo come una beauty spa! Al risveglio da un volo notturno non c’è niente di meglio che curare i propri occhi con una maschera ad hoc: questa di Sephora è antistanchezza ed energizzante, si tiene 15 minuti e non c’è neanche bisogno di sciacquarla. Stesso discorso per il profumo: prima di partire arrivare a destinazione mi piace rinfrescarmi e con una goccia di profumo mi sento pronta a sbarcare e andare alla scoperta della nostra destinazione. L’elemento imprescindibile del kit da volo è la mascherina per gli occhi. Questa me l’hanno regalata e l’adoro perché è morbida e non troppo pesante, deliziose anche quelle di Muji. Infine un altro dei miei amuleti contro la paura di volare: i braccialetti contro il mal di viaggio che agiscono sui punti della digitopressione. Più volte i miei vicini di posto, guardandoli, mi hanno chiesto se effettivamente “funzionassero”, non posso dire se funzionino per tutti ma su di me hanno un buon effetto e io non parto mai senza!

I PLUS
Questo tutto l’essenziale per assicurarmi un viaggio e uno sbarco al meglio, quasi come avessi viaggiato in prima classe! Ci sono poi altre tre cose che, a seconda del viaggio, non mancano mai nel mio bagaglio a mano: un libro, della musica e qualche snack (di questi ultimi vi parlerò in un altro post). Solitamente durante il volo il libro non lo apro neanche perché mi da fastidio leggere (non riesco a capire come mai, visto che leggo anche in macchina, mah!), ma mi ci immergo sia nell’attesa della partenza del volo che nelle ore di stop durante lo scalo. La musica, invece, è una compagna fedele per tutto il viaggio, spesso la uso anche per addormentarmi. Prima di partire preparo qualche playlist a tema: relax, goodmorning, discovery, ecc in modo da essere sempre pronta per ogni evenienza!

E voi, avete qualcosa che portate sempre con voi durante i viaggi e di cui non potete fare a meno? Avete qualche consiglio su come affrontare i lunghi viaggi in aereo?

*Disclaimer: nessuno dei prodotti indicati sono stati forniti dalle aziende*

You may also like

2 comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>