Ghoriba aux amandes

Come tutte le cose belle, anche questa vacanza a Marrakech e nel sud del Marocco è finita. Devo dire che questo viaggio mi ha colpita particolarmente, forse perché non avevo grandissime aspettative, in fondo è sempre così, no? Bellissimi i colori della città rossa, della sabbia fine del deserto, del cielo blu e dei panni stesi al sole. Piacevole il caldo (23 gradi di giorno non sono mica male, no?!) che ci ha accompagnato per tutto il viaggio, gentilissimi i marocchini che abbiamo incontrato nel nostro viaggio on the road. E poi i souq, i riad da mille e una notte, i dolci fatti in casa, il profumo del the alla menta e il suo rito, il profumo delle spezie e il richiamo della preghiera che rimbalza da una moschea all’altra.

E cosa mangiavate? Questa è la domanda che al rientro mi hanno fatto praticamente tutti. I cibi protagonisti sono stati essenzialmente il couscous (con verdure o carne), il tajine (di pollo o di agnello). Per quanto riguarda il couscous dimenticatevi quello che mangiate da queste parti: uvetta fresca come guarinizione, salsina al profumo d’arancio e verdura deliziosa. Il Tajine è un piatto di carne in umido, cotto molto lentamente in contenitori di terracotta, i tajine appunto. Quelli che abbiamo gustato noi sono stati: il mqualli (pollo con limone e olive), il kefta (polpette e pomodori) e il mrouzia (agnello con prugne e mandorle). Menzione a parte la merita la pasticceria che accompagnava l’onnipresente the alla menta (delizioso!!!): feqquas, briouats, ghoriba e tanti altri dolcetti di cui non sono riuscita a segnarmi i nomi :) Tutti profumatissimi, croccanti o morbidissimi, dolci… insomma diciamo che la dieta post vacanze l’ho un attimo posticipata.

Detto tutto questo, volevate che non provassi immediatamente uno di questi dolci così deliziosi? La mia attenzione è caduta subito sui ghoriba aux amandes perché mi hanno ricordato immediatamente i chocolate crinkles che avevo fatto per Natale, ma in versione bianca e poi perché non appena li ho assaggiati sono impazzita :) Ecco quindi la prima ricetta marocchina (nel mio quadernino del to do ne ho già segnate altre!) da gustare, manco a dirlo, con un dolcissimo the alla menta.

Ghoriba aux amandes

Ingredienti: 2 uova, 125 g di zucchero a velo, 
1 cucchiaino di lievito per dolci, il succo di 1/2 limone,
500 g di mandorle tristate finemente, 
100 g di semola fine,
2 cucchiaini di burro, zucchero a velo per guarnire.

Scaldare il forno a 160° e ricoprire una teglia con carta da forno. Spremere il succo del limone. Sbattere le uova e aggiungere lo zucchero a velo, fino a formare un composto spumoso. Aggiungere il succo del limone, le mandorle tritate, il lievito e la semola. Mescolare fino ad ottenere una pasta soffice.  Passare il burro sulle mani e prelevare del composto dalla pasta e formare delle palline. Passarle nello zucchero a velo precedentemente versato in un piatto, facendo in modo che le palline siano completamente ricoperte di zucchero. Disporre le palline sulla teglia e informare per circa 10-15 minuti. 
Il biscotto è pronto quando presenta sulla superficie le “classiche” crepe.

You may also like

10 comments

  1. wow devono essere buonissimi! dovrò provare a cimentarmi nella ricetta sperando di riuscire a metterne da parte qualcuno e di non finirli subito!

  2. Ehi! Bentornata! Sentivamo la tua mancanza da queste parti! (Io poi avevo proprio bisogno di un po’ di ispirazione…)

    E vuoi che dopo aver provato i chocolate crinkles scopiazzati da te, non mi cimenti anche in questi??
    Spero solo non facciano effetto “amaretto” perchè non sono una grande amante del sapore forte di mandorla..
    :)

    Buona giornata! :)

  3. @ Ilaura: si in effetti sanno di mandorle, ma non come l’amaretto, più che altro tipo i biscottini con la pasta di mandorle. Comunque puoi provare a mettere meno mandorle se non ti piace troppo il sapore! se li provi poi fammi sapere!

    @Noolyta: devo dire che se riesci a farli arrivare in una scatola di latta poi si conservano per un po’ di giorni…sempre che ci arrivino alla famosa scatola :)

  4. Fatti! (Non potevo resistere! :)
    Ma a dire il vero ho un po’ profanato la ricetta mettendo metà mandorle e metà nocciole tritate (che insieme al limone danno un sapore leggermente acidulo ai biscotti). In più ho aggiunto delle bacche di cardamomo per profumarle e ne ho fatto una metà arrotolandoli nel cacao anzicchè nello zucchero a velo(ma è una variante che non mi ha entusiasmato molto a dire il vero!)
    Per il resto sono venuti buoni!
    Ovviamente però proverò anche quelli originali al più presto (non avevo abbastanza mandorle ieri, ecco spiegata la ragione delle varianti! :)

    Ora mi guardo le tue fotine! :)
    Ciao ciao

  5. @Ila: bravissima, hai fatto bene a cambiare la ricetta! tra l’altro proprio in questi giorni ho in programma di fare cookies con nocciole, mandorle e cioccolato! e poi se passi di qui domani…un dolce al profumo di cannella e cardamomo! che stiamo diventando telepatiche? Baci baci!

  6. E’ ufficiale! Mi sono innamorata del tuo blog… ;))) Troppe ricette deliziose… questi qui poi me li segno immediatamente! Tornerò spesso e (Molto!!) volentieri a farti visita! Buon fine settimana!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>