Di lunedì: dicembre e una letterina

Oggi è Sant’Ambrogio, a Milano è un giorno di festa: ci si alza con calma, si prendono gli scatoloni dalla soffitta, si addobba l’albero di Natale e si appende la ghirlanda alla porta d’ingresso. Per colazione ho aperto il primo pandoro dell’anno, bevuto una tazza fumante di tè e sfogliato il libro delle mappe soffermandomi sulle prossime mete e sognando quelle future.
Mancano 18 giorni a Natale e mi sono resa conto di non aver ancora scritto la letterina a Babbo Natale. Certo, era da un po’ che ci meditavo, ma non avevo ancora avuto modo di fermarmi a mettere nero su bianco i miei pensieri. Così nel silenzio di questa mattina, ecco la mia letterina a Babbo Natale. E voi, avete già scritto la vostra?

Caro Babbo Natale,

certo di sicuro tu lo sai già, ma questo è stato per me un anno particolare, difficile a tratti. Ho cambiato lavoro, ci sono state situazioni che mi hanno messa alla prova, in alcuni casi ho sofferto, ma tutto sommato non posso (e non voglio) lamentarmi. Questo 2015 mi ha regalato nuove amicizie, dei bellissimi viaggi, la voglia di tornare a scrivere qui, di scoprire cose nuove e di continuare a viaggiare.
Ora, quello che sogno per quest’ultimo mese dell’anno e per il 2016 (che si sa, io preferisco gli anni pari) è il profumo di cannella, un Natale di pasta fatta in casa, un inverno di maglioni caldi, weekend rilassanti, di coperte che ti avvolgono, di abbracci che riscaldano. Vorrei la neve, le lucine alle finestre, candele profumate e cioccolata fumante. Chiacchiere e risate con amici sinceri, manine da stringere, belle notizie per cui emozionarsi, condividere successi e fare nuovi progetti.
Ti chiedo una tranquillità che profuma di casa, la forza di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, di non arrabbiarmi per le piccole cose e di essere meno impaziente. Di avere sempre attorno a me le persone che mi vogliono bene e di esserci sempre per loro quando avranno bisogno.

Sogno per la primavera 2016 viaggi nel nord Europa (a Budapest, ma anche nei paesi Scandinavi), per l’estate di poter tornare nella mia amata Asia, zaino in spalla e tante foto. Vorrei riempirmi gli occhi dei sorrisi delle persone semplici, immortalare gli sguardi vispi dei bambini, vorrei poter giocare con loro e bere una tazza di te ascoltando i racconti delle persone anziane. Vorrei, in autunno, partire verso ovest, tornare a New York e magari passarci proprio il Natale e il Capodanno.

Vorrei una bicicletta per scorrazzare per la città, un Mac nuovo perché questo con cui scrivo ormai è un po’ vecchiotto ed è anche saltata una riga di pixel, un cappottino colorato, pennarelli nuovi e quadernini su cui appuntare tutto quello che mi viene in mente.

Vorrei continuare a condividere queste esperienze di vita, i viaggi, con R., così da creare un nostro bagaglio di ricordi e avventure, vorrei continuare a costruire la nostra casa con oggetti comprati in ogni parte del mondo: un quadro, una tazzina, una stoffa, una statuetta o un incenso. Tutto parla di noi e dei nostri viaggi e questa è una delle cose più belle: non si tratta solo di oggetti, ma sono oggetti che raccontano esperienze. Ecco cercare di non accumulare oggetti, ma fare il pieno di esperienze è il mio obiettivo per l’anno prossimo. Babbo Natale, a te chiedo di darmi la costanza e la forza per proseguire in questo cammino.

Da parte mia ti prometto che cercherò di essere sempre più consapevole, di impegnarmi per fare si che, nel mio piccolo, il mondo sia un posto migliore. Prometto di battermi per le cose buone e di cercare di dare voce alle persone che non possono esprimersi. Prometto di contare fino a mille prima di parlare, di impegnarmi ad andare in palestra, di smettere di prendere troppi appuntamenti tutti insieme e di provare ad essere meno impulsiva.

Ecco, dovrebbe essere tutto.

La notte del 24, come sempre, ti lascio sul tavolo una tazza di cioccolata calda e una fetta di torta. Lascio anche qualche carota per le tue renne. Fai buon viaggio e non ti stancare troppo, che ormai hai una certa età.

Un bacino sul naso
Ila

cover foto pinterest

 

You may also like

1 comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>