10 consigli per combattere il Jet lag

Tra un mese esatto a quest’ora saremo a New York. Ci staremo per pochi, pochissimi giorni, ma non vedo l’ora e ho già un quaderno pieno di indirizzi da visitare, ristoranti da provare e mostre da vedere. L’unica cosa che mi preoccupa, però, è il jet lag. Stando pochi giorni ho paura di non riuscire ad abituarmi all’orario locale, di non godermi a pieno il viaggio e di rimanere sballottata anche una volta tornata (il giorno dopo devo riprendere subito a lavorare!). Così ho fatto mente locale pensando ai viaggi che ho fatto e a cosa ha funzionato meglio per combattere questo famoso (e fastidioso) jet lag. Ecco quindi i 10 consigli che seguirò anche io tra un mese per godermi al massimo il nostro soggiorno a New York!

Consigli per combattere il jat leg

1. DORMIRE MOLTO. Partire riposati, questo è il segreto. Nella settimana che precede il viaggio modificate gradualmente il vostro orario interno. Andate a dormire un’ora prima (se viaggiate verso est) o un’ora dopo (se viaggiate verso ovest). L’importante, comunque, è riposare almeno 6 ore a notte o rischiate di arrivare al momento della partenza già in carenza di sonno.

2. MELATONINA. Per regolare il ritmo veglia/sonno una settimana prima della partenza solitamente inizio a prendere della melatonina un’oretta prima di andare a dormire. La porto con me in viaggio e continuo a prenderla anche una volta arrivata a destinazione.

3. CAMBIARE ORARIO. Una volta in volo regolate il vostro orologio con l’ora del posto. A questo punto iniziate a pensare e a comportarvi a seconda dell’orario della località in cui state andando. Questo vi aiuterà ad arrivare a destinazione preparati sia mentalmente che fisicamente.

4. DORMIRE IN AEREO? Dipende. Se il vostro volo è intercontinentale e sarà notte anche nel posto dove tate andando assolutamente si, approfittatene e dormite il più possibile. Se invece volate durante il giorno e arriverete a destinazione in serata evitate di dormire altrimenti una volta arrivati non riuscirete più a prendere sonno.

5. STARE IDRATATI. I sintomi del jet lag come nausea e mal di testa possono essere accentuati dalla disidratazione. Per questo è molto importante bere tanta acqua e stare idratati quando si affronta un lungo viaggio aereo. Nei giorni precedenti il volo e ovviamente mentre siete in viaggio evitate alcolici e caffeina perché contribuiscono entrambi alla disidratazione.

6. EVITARE I SONNELLINI. Una volta arrivati a destinazione cercate di non fare un sonnellino. Piuttosto uscite e passate del tempo all’aria aperta, alla luce del sole in modo che il nostro corpo capisca che è il moment di stare svegli. Cercate di non dormire, anche se la tentazione è forte, perché anche un piccolo sonnellino può sballare la capacità del nostro corpo di adattarsi al nuovo orario. Per questo solitamente cerco di prenotare voli che arrivino a destinazione nel pomeriggio, in modo da stare sveglia qualche ora e poi andare a dormire.

7. ESPOSIZIONE ALLA LUCE. Attenzione all’esposizione alla luce, anche quella dello schermo del telefono o del computer. Il nostro cervello, infatti, quando vede la luce pensa di dover stare sveglio e questo sicuramente non aiuta a combattere il jet lag. Al mattino, tirate su le tapparelle e aprite le finestre, così da far entrare la luce e spiegare al vostro cervello che è ora di alzarsi.

8. ESERCIZIO FISICO. Quando arrivate a destinazione uscite, andate a farvi una passeggiata e cercate di adattarvi subito all’orario del posto. Quando tornate a casa cercate di fare attività fisica in modo da distrarvi e cercare di ri-regolare da subito il giusto orario interno.

9. RILASSATEVI. Se vi svegliate nel mezzo della notte (che siate appena arrivati a destinazione, o una volta tornati a casa) non alzatevi, ma cercate di rilassarvi e tornare a dormire. Se proprio non riuscite, cercate di tenere le luci basse magari provando a leggere un libro. Vietato accendere il cellulare o la televisione: credetemi, con la luce “forte” ci metterete molto più tempo a riaddormentarvi.

10. UN PICCOLO AIUTO. Solitamente cerco di non prendere pillole o medicinali, ma quando sono in viaggio, se ho dei problemi di jet lag faccio un’eccezione. Potete prendere la melatonina, come visto sopra, o della valeriana. Potete portarvi delle bustine di camomilla o una tisana rilassante. Oppure potete chiedere al vostro medico o in farmacia di consigliarvi. Come tutte le cose basta non esagerare e se serve per godersi il viaggio, non fatevi troppi sensi di colpa.

E voi, avete mai sofferto di jet lag? Quali sono i vostri rimedi per combatterlo?

jetlagcover

 

You may also like

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>