Metti una sera a cena a Londra (si, ma in un hidden restaurant)!

TW139474_942long

Metti un sabato sera a Londra. Metti una cena in un ristorante. Niente di che direte voi. E invece no, qualcosa di nuovo c’è. Ed è proprio il locale. Nella mia settimana londinese ho voluto provare anche una cena in un hidden restaurant, un ristorante nascosto, il Back in 5 Minutes, organizzato da Disappearing Dining Club. Ristoranti nascosti in case di privati, in aree dismesse o in spazi adibiti temporaneamente a luoghi di ristoro. E’ la nuova tendenza dei pop-ups: bar, ristoranti, negozi, feste che durano da una serata a qualche settimana. Le nuove aperture si scoprono in rete, così come gli indirizzi dei luoghi più cool e delle feste più trendy a cui non mancare. Poco prima della mia partenza, spulciando tra vari siti mi sono imbattuta in questo ristorante che non è un vero e proprio pop-up, perché esiste da un annetto, ma è sicuramente ben nascosto. Nella colorata ed eccentrica Brick Lane a Shoreditch, il numero 224 non è un ristorante ma un normalissimo negozio di abiti. Nessun insegna e nessun segno che da qualche parte ci sia un ristorante. Ma non vi preoccupate, entrate, andate spediti verso il fondo del negozio e tirate la spessa tenda di velluto: eccolo, il ristorante! Si scendono pochi scalini e si è immersi in tutta un’altra atmosfera. Luci soffuse, musica swing, tavoli di recupero e ovviamente gente che mangia, chiacchiera e beve. Il ristorante nascosto si chiama Back in Five Minutes, ha circa 40 posti in tavoloni da condividere con sconosciuti. Ma attenzione, non è una social dinner, non si viene qui per passare una serata con sconosciuti come succede nei nostri italianissimi Ma Hidden Kitchen e nelle colazioni e serate da Lidia. Questo è un vero e proprio ristorante, che ha due formule: il mercoledì sera c’è un unico menù che viene servito a tutti gli ospiti dalle 7.30. Dal giovedì al Sabato, invece, si può scegliere tra tre tipi di menù: 30 £ per due portate, 35 £ per tre portate e 50 £ per un menù degustazione di 7 portate. Il menù è abbastanza ristretto, tre scelte di antipasti, tre scelte di piatti principali e tre tipi di dolci. All’ingresso si è accolti da un aperitivo a base vodka, durante la serata è possibile ordinare calici o bottiglie di vino oppure cocktail. Noi abbiamo optato per il menù di tre portate: antipasto, secondo e dolce. Il mio menù è stato tutto a base di pesce: ottime le intenzioni del menù e la presentazione, ma l’antipasto era molto salato, praticamente immangiabile. Il secondo, invece, era buono: tonno scottato alla griglia e tartare di gamberi, con verdure di contorno e maionese al wasabi. Infine il dolce: il mio tiramisù, sapeva un po’ troppo di caffè, ma forse io non faccio testo, perché nel tiramisù ci metto pochissimo caffè perché non mi piace :) In sostanza quindi, lo consiglio o no? Se dovessi valutare solo per il cibo direi di no. Me se valutiamo l’esperienza nel suo complesso direi di si. Considerando che il menù cambia tutte le sere, mi piace pensare che sia stata un po’ sfortunati io (i piatti di R. peraltro erano tutti molto buoni). Quindi, se qualcuno è in partenza per Londra e ha voglia di provare, prenotate qui e poi fatemi sapere! Back in 5 Minutes 224 Brick Lane, E1 6SA London

Continue Reading

London snapshots #3

Il mio tasting tour londinese continua. E ieri sera è stata di nuovo una bella scoperta (ma chi ha detto che a Londra si mangia male?) . Se Beagle mi aveva colpito positivamente, Dishoom mi ha entusiasmata. Si tratta di […]

Continue Reading

London snapshot #2

Ieri sera è iniziato ufficialmente il testing tour dei locali che mi ero segnata da vedere qui a Londra. Complici degli amici italiani che vivono a Londra da anni ormai, siamo andati a provare Beagle. Un ristorantino proprio sotto l’overgound […]

Continue Reading

London snapshots #1

Sorpresa! Chi mi segue su instagram lo sa già, questa settimana sono in trasferta a Londra per lavoro. Ovviamente non è come essere in vacanza, e non posso gironzolare tutto il giorno, ma il lato positivo è che qui finiscono […]

Continue Reading

London calling #2. Walking riverside London

Patire alla scoperta dei quartieri di una città, cercando di farsi un’idea della vita quotidiana dei suoi abitanti è unn’esperienza che può regalare grandissime sorprese e rendere un viaggio indimenticabile. Girare a piedi, sentire gli odori e i suoni della città, osservare […]

Continue Reading