Budapest: informazioni pratiche

budapest-buildings

Quando il mese scorso R. mi ha regalato un weekend lungo a Budapest per festeggiare il mio compleanno, non sapevo bene cosa aspettarmi. Eravamo alla ricerca di una città al di fuori dei circuiti turistici più classici, una città visitabile in un weekend, senza fare grandi corse e vivendola all’aria aperta se possibile, passeggiando con il naso all’insù. E Budapest non mi ha delusa, anzi, mi ha colpita al cuore. È una città bellissima, piena di vita, con un contrasto tra nuovo e vecchio come piace a me, con persone gentilissime e sorridenti, fatta di cortili colorati e spazi riqualificati. E poi ci sono le lucine che sembra di essere a Natale. Lucine bianche nei cortili dei ruin pub, lampadine colorate nei cortili dove puoi berti una birra in tutta tranquillità, cascate di lucine fuori dai negozi…insomma io ho girato per tre giorni con occhi a cuore. Oggi quale informazione pratica per organizzare il viaggio nella capitale ungherese, nelle prossime settimane la guida day by day, dove mangiare e i miei ruin pub preferiti. Pronti?

Viaggio a BUDAPEST: INFORMAZIONI PRATICHE

#Quando andare e quanto stare
Per godere a meglio dell’atmosfera di Budapest, vivendo all’aperto ma senza potendo girare senza morire di caldo, vi consiglio di visitare Budapest in primavera o in autunno. L’estate pare sia estremamente calda, mentre l’inverno molto freddo (anche se immagino il fascino della città illuminata a festa e con i mercatini di Natale!).

Due o tre giorni sono sufficienti per una prima visita alla città. Potrete vedere le attrazioni principali, senza entrare nei vari monumenti o musei, e godervi a pieno l’atmosfera rilassata della città. Con più giorni a disposizione potrete visitare le attrazioni principali come il Parlamento o la Casa del Terrore, concedervi un pomeriggio alle terme e visitare le colline intorno alla città.

budapest_ila

#Partire
Da Milano un volo comodissimo per visitare la città avendo tutto il giorno davanti (meno per l’alzataccia che ci tocca) è quello di WizzAir che parte dalle 8 da Maplensa. In poco meno di un’ora e mezza si arriva in città, pronti per andare alla sua scoperta! Per il ritorno ci sono due possibilità: se potete prendervi un giorno di ferie, come abbiamo fatto noi, partire lunedì sera alle 20. Se invece dovete essere in ufficio lunedì mattina non disperate: c’è un volo alle 6 di mattina che atterra alle 7.40, pronti per iniziare la vostra settimana :)

#Moneta
La moneta è il fiorino ungherese, HUF. Pochi giorni fa il cambio era 1 euro per 310 HUF. La cosa più semplice e conveniente è prelevare direttamente dalla banca: avendo trovato Banca Intesa (la mia banca) prima ancora di arrivare in città (vedi #arrivare in città), abbiamo potuto prelevare senza commissioni. Il mio suggerimento è di verificare con la vostra banca se ci sono sportelli disponibili, altrimenti, appena arrivati in aeroporto ci sono dei bancomat sulla destra, nel corridoio a lato dell’ufficio informazioni sui mezzi pubblici. Quello che vi sconsiglio è di cambiare i soldi dai vari sportelli excange in aeroporto o in città.

#Arrivare in città
Per arrivare in città dall’aeroporto avete due opzioni.
La prima è di prendere un taxi che in circa 25 minuti vi poterà a destinazione. Il costo è di circa 20-25 euro. Troverete i taxi appena usciti dagli arrivi, solo i taxi ufficiali possono fermarsi in questa zona, quindi non dovrebbero esserci problemi, ma è sempre meglio chiedere prima al taxista di confermare la tariffa (o quanto meno darvi un’indicazione).

La seconda è prendere i mezzi pubblici, come abbiamo fatto noi. È molto semplice ed economico. Il viaggio durerà circa 35-40 minuti e dovrete prendere un autobus e la metropolitana, quindi pensateci se avete valige ingombranti o pesanti perché ci sono delle scale da fare e bisogna spostarsi da un mezzo all’altro.
Se decidete di prendere i mezzi dovete anzitutto procurarvi i biglietti: nella hall dell’aeroporto, appena usciti dalle porte scorrevoli, sulla vostra destra troverete il punto informazione dove potrete acquistarli pagando con carta di credito (non prendono euro) 530 HUF (fiorino ungherese) a testa. Vi daranno due biglietti numerati: il 1 per il bus e il 2 per la metropolitana. Ricordate di convalidarli entrambi: il primo alla fermata del bus sulla banchina appena usciti dall’aeroporto e il secondo quando arriverete alla stazione della metro.
Il bus che dovete prendere è il 200E, che parte proprio dalla banchina appena fuori dagli arrivi. Una volta saliti arrivate al capolinea (ci sono i messaggi in inglese). Se volete prelevare (vedi #moneta) all’interno del centro commerciale c’è una banca del gruppo Banca Intesa, altrimenti attraversate il parcheggio e seguite la “M” di metropolitana, salite le scale, percorrete il ponte e timbrate il biglietto alle macchinette. Scendete sulla banchina e aspettate la metro. Non potete sbagliare, siete al capolinea della linea M3 che incrocia tutte le altre linee. Facile, no?

extramazeltovankert

#Dormire
Tra Buda e Pest il mio consiglio è di dormire a Pest, il più vicini possibile a una fermata della metropolitana e all’antico quartiere ebraico (Erzsébetváros). Noi siamo stati in un delizioso appartamento su Airbnb a due passi dalla fermata della metro di Ferenciek Tere e a pochi isolati dalla movimentata Kazinczy Utca nel quartiere ebraico. Una scelta perfetta: comodo ma silenzioso, con un bellissimo terrazzino da cui guardare i tetti di Budapest. Inoltre Rita, la propietaria, è stata gentilissima e ci ha permesso di fare il check in in anticipo e il check out nel pomeriggio. Un consiglio, se prendete i voli che abbiamo preso noi, è di verificare con il vostro albergo/ostello/host queste possibilità, in modo da poter lasciare i bagagli mentre girate la città in tranquillità.

#Come spostarci in città
La città si gira praticamente tutta a piedi, basta organizzare bene l’itinerario. Se però volete ottimizzare i tempi e gli spostamenti potete affittare una bici (le piste ciclabili sono ovunque e i guidatori delle automobili sono molto rispettosi)o fare un abbonamento cumulativo per i mezzi pubblici. Ricordatevi che se salite su un mezzo senza biglietto potete farlo a bordo, ma vi costerà qualcosa in più.

#Quanto costa
Budapest è estremamente economica. Abbiamo mangiato con 10 euro a pasto in due, la spesa massima è stata di 15 euro a testa per un pranzo in uno dei posti più cool in cui siamo stati, dolce e caffè compresi.
Qui alcuni prezzi:
una bottiglietta d’acqua > 0,50 €
una birra > tra 1,60 € e 2.50 €
un biglietto dei mezzi (comprato sul mezzo) > 1,45 €

budapest_parlamentomuralesalberobudapest_buildingscartello

E voi, siete mai stati a Budapest? Avete altri suggerimenti da segnalare?
Non perdetevi i prossimi post: l’itinerario di tre giorni, dove mangiare e i miei ruin pub preferiti.

You may also like

2 comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>