Assicurazione di viaggio: perché farla

Ammettiamolo, l’assicurazione di viaggio non è la prima cosa a cui si pensa quando si pianifica un viaggio. Molto spesso si ritene che sia una spesa inutile: “che vuoi che succeda?”
L’assicurazione di viaggio è un tema sicuramente molto sottovalutato che però, se stipulata, può davvero salvare l’esito di un viaggio. Che stiate partendo per un weekend in Europa o per un viaggio oltreoceano di più settimane l’assicurazione è da considerare seriamente. Ecco qui di seguito una serie di motivi per cui stipulare un’assicurazione di viaggio prima della partenza per un viaggio:

Spese sanitarie
Spesso diamo per scontato che in qualsiasi Paese ci recheremo in caso di bisogno di assistenza sanitaria avremo lo stesso trattamento che abbiamo in Italia. Sbagliato. Ci sono Paesi come gli Stati Uniti, il Giappone o il Canada in cui il solo mettere piede in un ospedale equivale a sborsare un sacco di soldi (e quando dico un sacco intendo davvero un sacco, fidatevi) e solo un’assicurazione può garantire di non dover aprire un mutuo al nostro rientro in patria.

Nel caso in cui viaggiate nei Paesi dell’Unione Europea richiedete prima di partire la tessera europea di assicurazione malattia (TEA). Attenzione però, nonostante il nome non si tratta di un’assicurazione: è una tessera gratuita che dà diritto all’assistenza sanitaria statale in caso di permanenza temporanea in uno dei 28 Stati membri dell’UE, in Islanda, in Liechtenstein, in Norvegia e in Svizzera, alle stesse condizioni e allo stesso costo (gratuitamente in alcuni paesi) degli assistiti del paese in cui ci si trova. Ricordatevi che non in tutti i Paesi la sanità è gratuita, quindi meglio controllare prima di partire. Inoltre, anche avendo il tesserino TEA, se non siete assicurati e avete bisogno di rientrare a casa, nessuno vi rimborserà i costi sostenuti per il rimpatrio.

Annullamento del viaggio
La vita riserva sempre grandi sorprese e non si può mai sapere quando arriveranno. Spesso si prenotano viaggi con molto anticipo, ma questo è effettivamente un po’ rischioso. Potrebbero verificarsi degli eventi di forza maggiore (malattia, morte, gravidanza, cambio lavoro ecc), per cui si potrebbe dover annullare il viaggio. Stipulare un’assicurazione permette di prenotare in anticipo in tutta tranquillità (e spuntare prezzi migliori sui voli!). Prima di stipulare l’assicurazione è importante controllare e verificare sempre le clausole che permettono l’annullamento del viaggio.

Smarrimento o furto del bagaglio
Lo smarrimento o il furto del bagaglio avviene più frequentemente di quando si possa immaginare e non è sicuramente un bel modo per iniziare un viaggio. Se il bagaglio non arriva a breve o se dovesse essere rubato, questo significa che è necessario comprare i vestiti e gli accessori che serviranno mentre si è in vacanza. L’assicurazione permette di coprire questi costi e quelli della valigia nello sfortunatissimo caso in cui questa non dovesse essere ritrovata. Anche se ricomprare le cose non è sicuramente come avere le proprie, avere un’assicurazione permette di affrontare questo momento con meno stress, sapendo che le spese sostenute saranno rimborsate.

Perdita dei documenti
La perdita dei documenti è sicuramente un grosso problema mentre si è in viaggio. Alcune assicurazioni hanno un’assistenza anche per questa evenienza e aiutare il viaggiatore a rifare i documenti, offrendo anche assistenza per il rimpatrio.

Qui sotto un’infografica che riassume quanto detto fino ad ora
Come scegliere l'assicurazione di viaggio

L’assicurazione può essere stipulata sia al momento della prenotazione del biglietto (io i solito faccio così), oppure successivamente, scegliendo una delle varie compagnie assicurative che offrono questa possibilità.
Il mio consiglio è di sceglierne due o tre e di compararle per vedere quale è la più vantaggiosa e quella che offre la migliore copertura (qui un’esempio di confronto assicurazioni per gli Stati Uniti). È molto importante leggere attentamente l’offerta dell’assicurazione che si va a stipulare, prestando particolare attenzione ai massimali, a cosa è incluso o meno come rimborso per le spese sanitarie (pagamento diretto o con rimborso una volta rientrati), per l’annullamento del viaggio e per la perdita del bagaglio.

Buon viaggio, d’ora in poi mai più senza assicurazione!

You may also like

1 comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>