In un film: a Copenhagen nei luoghi di The Danish Girl

Venerdì scorso sono andata al cinema a vedere un film che aspettavo: The Danish Girl. Mi è piaciuto moltissimo: trama toccante, bellissima fotografia, costumi e ambientazioni davvero spettacolari. Non vi svelo troppo sulla trama del film, se non che molte delle scene si svolgono tra le strade, le piazze, i canali e i palazzi di Copenhagen. In diversi momenti mi sono trovata a guardare lo schermo e dire “ci sono stata!” e così ecco un breve itinerario alla scoperta dei luoghi del film The Danish Girl a Copenhagen. Un motivo in più per fare la valigia e partire alla scoperta della capitale danese, magari per Pasqua!

Iniziamo dal Palazzo di Charlottenborg, che fa da sfondo alla prima scena del film, quando incontriamo per la prima volta i due protagonisti. Charlottenborg ha una delle più vaste e suggestive collezioni d’arte contemporanea in Europa e ospita mostre, eventi, conferenze, spettacoli, concerti e proiezioni rendendolo un riferimento in materia di arte contemporanea a Copenhagen.

Poco dopo vediamo la coppia rientrare a casa e passeggiare abbracciati in una suggestiva strada del centro. La scena è stata girata tra SnaregadeMagstræde, che ospitano gli edifici più antichi della città. Oggi è una tranquilla zona residenziale con ottimi ristoranti: passeggiateci al tramonto e fermatevi in uno dei locali per vivere “like a local”.

canali_copenhagen

A più riprese nel film vediamo Nyhavn e il quartiere lungo il canale. È qui che abitano i due protagonisti, Einar/Lili e Gerda ed è attraverso le scene di vita quotidiana sui canali, come il mercato del pesce, che questi luoghi vengono proposti nel film.  Originariamente un porto commerciale,Nyhavn oggi è una zona di relax e intrattenimento, con le sue casette tipiche tutte colorate che ospitano caffè e ristoranti.

Alcune delle scene che ho più amato sono quelle girate all’interno del Teatro Reale di Copenhagen: la prova dei costumi, la scelta delle parrucche e delle scarpe. Mi sono rimaste particolarmente in mente le scene girate nella la sala con i tutù, che sembrano come sospesi dal soffitto, e i costumi di scena.

Non vi svelerò il perché, ma vedrete Lili recarsi più volte a Nyboder, ed entrare in una delle caratteristiche casette a schiera dai tetti rossi e l’intonaco giallo. Le prime case di Nyboder furono costruite a partire dal 1631 dal re Cristiano IV ed erano inizialmente dedicate ad ospitare il personale della marina e le loro famiglie. Se avrete la fortuna di passeggiare per queste strade in un giorno con il cielo blu vi sembrerà di stare in un dipinto.

arch_copenhagen

Ad un certo punto la coppia si trasferisce a Parigi, in realtà, però, anche queste scene sono state girate a Copenhagen. Dove? La maggior parte delle scene sono state girate per le strade di Frederiksstad, candidato a diventare Patrimonio dell’UNESCO come una delle più belle espressioni europee del settecento. E ancora, la cupola che vedete vicino all’appartamento dove vivono Lili e Gerda non è il Sacro Cuore, ma la Marmorkirken (letteralmente chiesa marmorea). Per chiudere le scene relative al soggiorno a Parigi, notate la scena in cui Lili va in biblioteca a fare delle ricerche: anche in questo caso la scena non è girata nella capitale francese, ma a Fiolstræde Læsesal, nel campus dell’Università Copenhagen. Non è possibile visitarla (è chiusa al pubblico) ma potrete ammirarla dall’esterno e fermarvi in uno dei tanti caffè che ci sono in zona a guardare il viavai o leggere un libro davanti a una tazza di caffè fumante.

Infine molte delle scene dell’ospedale dove sarà ricoverata Lili sono girate nel municipio di Copenhagen (Rådhus).

Se avete riconosciuto qualche altro luogo di Copenhagen, scrivetelo nei commenti, sarò felice di aggiungerlo alla lista! 

You may also like

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>