48 ore a alla scoperta di Shanghai

48 ore alla scoperta di Shanghai: perché e quando andare, dove mangiare e cosa visitare

Wow! Questo è davvero uno dei post più lunghi che abbia mai scritto. Recentemente mi sono trovata a raccontare del nostro viaggio in Cina e in particolare a parlare di Shanghai(qui e qui trovate i precedenti post sulla città).
Ecco quindi una mini guida con consigli nel caso in cui vi troviate a passare 48 ore a Shanghai: cosa vedere e dove mangiare. 

Prima di iniziare, però, ecco qualche consiglio generale:

  • Shanghai è davvero enorme, cercate di crearvi un itinerario di massima, diviso per giorni. In questo modo non correrete come dei pazzi da una parte all’altra della città e potrete ottimizzare al meglio i tempi. Più sotto trovate il mio racconto delle 48 ore a Shanghai.
  • Scaricatevi una mappa che funzioni anche offline, procuratevi una mappa cartacea: muoversi senza riferimenti non è facile. Tenete a portata di  mano anche una mappa della metropolitana, vi servirà per studiare gli spostamenti quando dovrete raggiungere la vostra prossima meta.
  • Troverete poche persone che parlano inglese, tenete sempre con voi il nome e l’indirizzo del posto che dovete raggiungere rigorosamente scritto in cinese. Stessa cosa vale per il vostro hotel/appartamento/ostello: portatevi sempre dietro il nome e l’inidirizzo scritti in cinesi, non si sa mai!

DEVO INCLUDERE SHANGHAI NEL MIO VIAGGIO IN CINA?
La risposta per me è si! Shanghai è una città, metropoli, affascinante. È fortissima l’energia, il senso di ottimismo e la voglia di cambiamento che si respirano passeggiando per la città. Credo che partendo proprio da Shanghai si possa cercare di capire come la Cina si stia rapidamente trasformando.

La città è inoltre un mix tra vecchio e nuovo: skyline futuristici e vecchi quartieri, locali glamour e mercati tradizionali. In quale altra città potete trovare dei contrasti così?

QUANDO ANDARE
Prima di partire ne avevamo sentite, e lette di tutti i colori: chi ci diceva che non saremmo riusciti a vedere il cielo azzurro, sepolto sotto la polvere dello smog,  chi ci diceva che sremmo andati incontro a piogge torrenziali, chi ci diceva che avremmo sofferto un caldo mostruoso. Per fortuna nessuna di queste opzioni si è verificata! Abbiamo avuto giornate di cielo blu, smog entro i livelli, sole ma non caldissimo, un acquazzone passeggero solo qualche ora in un pomeriggio. Il mio consiglio è di informarvi sul clima che potrete trovare, ma di non farvi assolutamente frenare da quello che leggerete o che vi diranno.

DOVE DORMIRE
Noi abbiamo scelto di dormire prevalentemente in ostello (qui trovate tutti il nostro itinerario in Cina, con indicazione di dove abbiamo dormito tappa per tappa) e a Shanghai abbiamo dormito al Mingtown Etour Youth Hostel (880 Yen una camera per 4 notti).

Ottimo per posizione, vicinissimo a People’s Square e alla metropolitana, pulito e tranquillo. Noi abbiamo dormito in una camera doppia con bagno in comunque e devo dire che ci è andata piuttosto bene. Se tornassi indietro prenderei il bagno in camera, ma solo per comodità visto anche che è stata la prima tappa del viaggio. Una cosa fondamentale, se si viaggia in Cina d’estate, è cercare sistemazioni che abbiano il condizionatore, per noi non c’è dubbio: meglio risparmiare sul fatto di avere il bagno privato ma avere aria condizionata che ti permette di riposare serenamente!

Da quello che avevo visto anche airbnb offre delle ottime sistemazioni, in questo caso, però, abbiamo preferito l’ostello perché volevamo avere un punto d’appoggio con qualcuno che parlasse inglese. Dovessimo tornare opterei senza dubbio per un appartamento nella zona della Concessione Francese questa volta.

pesci_finesterestreetfood a shanghaiold town shanghai

COSA FARE A SHANGHAI
Per noi la città è stata people e life watching, cercando di catturare quella che è l’anima della nuova Cina, piuttosto che affannarci nella visita di monumenti e siti storici. Prima di passare all’intinerario day by day ecco alcuni degli highlights che non dovete perdere:

  • lo street food: tra un grattacielo e uno shopping mall sono poche le strade del cibo ancora intatte, ma se cercate bene troverete quello che fa per voi. La principale meta per i foodies è Fangbang Road, da esplorare rigorosamente a stomaco vuoto!
  •  I grattacieli di Pudong: che vogliate ammirarli da lontano, o salirci per osservare la città dall’alto sono sicuramente uno dei simboli di Shanghai. Se volete vederli illuminati andate a bere qualcosa dopo cena in uno dei tanti locali con terrazza.
  • Una passeggiata sul Bund: il famosissimo viale che costeggia il fiume Huangpu e che fronteggia il quartiere di Pudong. Veniteci all’alba o al tramonto per vedere gli abitanti di Shanghai fare tai chi in piccoli gruppi.
  • Visitare il giardino Yu: letteralmente “il giardino della felicità”, non appena ci si mette piede si entra in un’altra dimensione. Si lascia fuori tutto il caos della città e si passeggia tra laghetti, giardini e pontili. Sedetevi sotto un albero e osservate il viavai delle persone intente a passare il loro tempo libero.
  • Una visita al museo della propaganda per cercare di capire la Rivoluzione Culturale. Il museo si trova in una location insolita: il seminterrato di un grosso palazzo (privato) nei pressi della Concessione Francese. Le sale sono poche, ma i poster alle pareti sono molti e davvero impressionanti. Da non perdere.
  • Fare shopping nei quartieri alla moda. Shanghai come New York, è questa la città cinese più alla moda. Non perdetevi un giro nei grandi mall dove potrete fare acquisti di tutti i tipi: dai prodotti di bellezza a quelli di cartoleria, dai vestiti agli accessori.
  • Passeggiare nel quartiere della Concessione Francese: case basse, strade ordinate, colori pastello, locali dove passare la serata e nuovi ristoranti. La Concessione Francese è un luogo piacevole dove passare qualche ora spensierata.

48 ore a Shanghai. Cosa vedere e dove mangiare.

Giorno 1
Iniziate la giornata da Farine, una boulangerie francese conosciuta perché pare abbia i migliori Croissant della città (la farina è importata direttamente dalla Francia). Farine si trova in Ferguson Lane, un vecchio quartiere francese trasformato in una destinazione per foodie piena di locali, ristornati e negozi trendy. Girate per le strade della Concessione Francese e dirigetevi verso la fermata della metropolitana Shanghai Library. Prendete la linea viola, scendete alla fermata Yu Garden e visitate il giardino. Rilassatevi passeggiando tra i laghetti e le costruzioni risalenti all’epoca Ming. Usciti dal giardino potete fermarvi a mangiare qualcosa nei numerosi negozietti che vendono street food nella piazza principale. Dopo aver mangiato attraversate la strada e andate a visitare il Tempio del Dio cittadino.

yu garden shanghaiyugarden2 yugarden3 yugarden4 yugarden5 yugarden6

Tornate alla metropolitana e proseguite verso nord fino alla fermata Nanjing East Road: da qui seguite la famosa Nanjing Road e concedetevi una sosta nel verde parco di People’s Square. Da qui avete diverse linee della metropolitana per tornare in albergo e prepararvi per la serata. Il nostro ostello (di cui ho parlato qui) era proprio in questa zona, a soli 5 minuti dal parco.

peoplesquare

Per cena avete due opzioni: tornare nella Concessione Francese, da Mia’s Yunnan Kitchen (45 Anfu Road) un locale tranquillo, intimo e informale. Per finire la serata potete andare al Senator, un bar in stile speak easy con un’ottima lista dei cocktail.

mia's

La seconda opzione è di andare al Bund, e concedersi una cena in grande stile e con vista mozzafiato sul Pudong, da Hakkasan (chiedete di poter cenare nella Ling Ling Lounge). Cucina cinese ricercata e cocktail mixology per un locale con clientela posh. Se volete fermarvi anche per il dopocena il ristorante ha anche due sale per pre e/o post cena, qui la musica si alza e l’atmosfera diventa ancora più hipster.

Giorno 2
Iniziate la giornata alzandovi molto presto e andando al Bund, per ammirare le numerose persone che qui fanno i loro esercizi di tai chi mattutini. Prendetevi un caffè e ammirate la calma e la compostezza di questi movimenti che sembrano poesia pura.

Dopo questo pieno di energia prendete la metropolitana, scendete a Changshou Road (linea rossa, ci arrivate prendendo la liena verde da Nanjing East Road e cambiando a Jing’an Temple) e dedicate un’ora del vostro tempo alla visita del Museo della Propaganda.
A questo punto ci vuole un bel pranzo: il luogo ideale è Curve, dove potrete gustarvi un brunch in tutta tranquillità. Altri due posti interessanti sono il gastro pub Liquid Laundry.

museo_propaganda palazzi

Per il pomeriggio avete due opzioni.
La prima è di dedicarvi alla visita di un distretto della cultura: l’M50 un insieme di gallerie e studi di artisti emergenti. Il distretto è raggiungibile con la linea rossa della metropolitana, fermata Shanghai Railway. Da qui una camminata di 10/15 minuti vi porterà dai grandi stradoni di Shangai alla tranquillità del distretto creativo. Il quartiere dell’M50, quando ci siamo stati, era in completo fermento, con palazzi in costruzione accanto a palazzi dismessi con bellissimi graffiti sui muri. Attaccato a questo quartiere c’è una zona residenziale con le famose case-alveare: enormi complessi di grattacieli con condizionatori a tutte le finestre e piccoli bacloni, davvero impressionante.

m50 murales1 murales2

La seconda opzione è invece quella di andare alla scoperta di un vecchio rione di Shanghai, oggi riqualificato:  Tiánzifáng di cui avevo già parlato qui.

tazza_mao Tianzifang

In serata vi consiglio di prenotare un tour culinario al mercato notturno con UnTour Shanghai. Potrete gustare tanti piatti tipici che altrimenti non assaggereste e scoprirete tante curiosità su Shanghai e sulla cucina di strada. Noi ci siamo trovati benissimo e abbiamo mangiato tanto e davvero bene. Il tour è itinerante, si visitano diversi piccoli ristoranti e si mangia qualcosa in ciascuno.

untour streetfood2

Al termine della visita guidata al mercato potete andare al Bund per osservare le luci del Pudong e riempirvi gli occhi della meraviglia di Shanghai che tornerà a casa con voi.

48 ore a #Shangai: la guida per scoprire dove mangiare, cosa visitare e tanti altri consigli utili Condividi il Tweet

DOVE MANGIARE
Farine:
378 Wukang Rd, near Tai’an Rd, Ferguson Lane, Xuhui
Mia’s Yunnan Kitchen: 45 Anfu Road
Senator: 98 Wuyuan Lu, vicino a  Wulumuqi Zhong Lu
Hakkasan: Bund 18, 5/F Zhongshan Dong Yi Lu
Curve: 1502 Huaihai Middle Road, vicino a Wulumuqi Zhong Lu
Liquid Laundry: 2/F Kwah Centre, 1028 Huaihai Middle Road

DA VEDERE
Yu Garden
Tempio del Dio cittadino

M50: 50 Moganshan Road, Putuo District
UnTour Shanghai

 

You may also like

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>